Teramo, la Provincia torna ad assumere: banditi i primi concorsi

Teramo, la Provincia torna ad assumere: banditi i primi concorsi

Due architetti, un dirigente tecnico, due ingegneri, due funzionari amministrativi, due contabili, ai quali si aggiunge una progressione verticale (selezione interna) per un geometra. L’anno si apre con i provvedimenti assunti dall’amministrazione provinciale per rimediare alla cronica carenza di personale determinata da una combinazione di fattori: il blocco delle assunzioni dal 2009 e la riforma “Delrio” che ha depauperato ulteriormente servizi e personale. Fra i settori che hanno più risentito di questa carenza vi sono quelli tecnici e quelli contabili: “Due settori dai quali dipendono i tempi della messa in cantiere delle opere e la capacità di spesa e che sono, quindi, particolarmente strategici in termini di risposta sociale ed economica per la comunità e per i comparti produttivi – dichiara il presidente della Provincia Diego Di Bonaventura – abbiamo un piano di investimenti molto impegnativo, finanziamenti per decine di milioni di euro per scuole e strade. Quindi partiamo da questi settori per la realizzazione di un piano occupazionale che a regime prevede concorsi per oltre trenta nuovi dipendenti”. Con i conti in ordine e il rendiconto approvato si può procedere con i primi concorsi, quelli a valere sull’anno 2020. Le determine dirigenziali sono visionabili sull’Albo pretorio. Per la presentazione delle domande occorre attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *