Teramo, le richieste di FIAB e WWF sull’area ex Utap trasformata in parcheggio

Teramo, le richieste di FIAB e WWF sull’area ex Utap trasformata in parcheggio

L’area adiacente il Liceo Classico “Melchiorre Delfico” di Teramo, recentemente liberata dal parcheggio e ripulita, dovrebbe essere destinata, secondo un progetto della Provincia di Teramo, a parcheggio permanente per 59 posti auto, probabilmente a servizio della scuola.

“Se la notizia fosse confermata – hanno dichiarato in un comunicato FIAB e WWF – si tratterebbe dell’ennesima sottrazione di spazio pubblico all’utilizzo collettivo per destinarlo a deposito di autovetture, eliminando nel caso specifico uno spazio che potrebbe essere destinato a supporto dell’attività didattica”.

Le due Associazioni ambientaliste hanno inviato una nota al Presidente della Provincia di Teramo, al Sindaco di Teramo e al Dirigente dell’Istituto scolastico, ricordando che “le linee guida ministeriali per la realizzazione degli edifici scolastici evidenziano la necessità di prevedere aree scoperte per la pratica sportiva e aree esterne, definite come parte integrante del progetto, da curare e attrezzare con prati, orti didattici e giochi”.

Se si realizzasse l’ennesimo parcheggio, peraltro adiacente al parcheggio multipiano di Piazza Dante (che già ha sottratto spazio pubblico alla città), si perderebbe la possibilità di ritrasformare un’area oggi degradata in un ambiente significativo per il gioco e il movimento, utile per creare piccoli ecosistemi locali che alimenterebbero biodiversità e processi naturali anche all’interno di luoghi urbanizzati. Ma soprattutto si rinuncerebbe ad un sito che potrebbe essere utilizzato per sviluppare la socialità degli studenti, la loro crescita fisica e intellettuale, il loro benessere psicofisico, nonché per stimolare curiosità, attività di gruppo, immaginazione, voglia di esplorare, senso di avventura e, non ultima, meraviglia per le scoperte che si possono fare.

FIAB e WWF chiedono quindi alla Provincia di Teramo rassicurazioni: se esiste un progetto del genere, va fermato. L’area va trasformata in una zona a servizio dei ragazzi e della collettività, con la realizzazione di un’area gioco all’aperto (campo multifunzionale basket-pallavolo-calcio), di un’area verde con adeguate piantumazioni, anche a fini didattici, e di un parcheggio per le biciclette, favorendo altresì, in collaborazione con il dirigente scolastico, sistemi di spostamento casa-scuola e casa-lavoro alternativi all’uso dell’automobile individuale (trasporti pubblici, car pooling, bicicletta e pedonalità), attivando, nel contempo, una convenzione con il vicino parcheggio di Piazza Dante che permetta tariffe agevolate al personale scolastico e studenti.

L’esperienza urbanistica degli ultimi decenni insegna che realizzare nuovi parcheggi nei centri urbani aumenta la congestione del traffico e non risolve il problema della sosta. Per questo FIAB e WWF tornano a chiedere per Teramo un deciso cambio di rotta per rivoluzionare il sistema della mobilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *