Teramo, Luciano D’Amico assolto “perché il fatto non sussiste”

Teramo, Luciano D’Amico assolto “perché il fatto non sussiste”

Dopo tre anni di udienza è stato assolto perché il fatto non sussiste l’ex rettore dell’Università di Teramo Luciano D’Amico.

Un verdetto che arriva dopo una lunga requisitoria del pm e difensori. L’inchiesta è quella relativa al doppio incarico come rettore dell’università e presidente del cda dell’Arpa Spa e poi della Tua, la società unica abruzzese di trasporto. Per l’accusa, avendo assunto l’incarico all’Arpa e poi alla Tua (svolto gratuitamente), avrebbe smesso, di fatto, di svolgere l’attività di docente a tempo pieno, requisito che la legge prevede come necessario per poter ricoprire la carica di rettore.

Con D’Amico sono stati assolti l’ex preside di Scienze della comunicazione Stefano Traini, accusato di abuso d’ufficio, e Mauro Mattioli all’epoca direttore amministrativo della fondazione dell’ateneo accusato di un episodio di peculato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *