VIDEO | Teramo, movida allungata di un’ora: chiusura locali alle 2:00

VIDEO | Teramo, movida allungata di un’ora: chiusura locali alle 2:00

Il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, ha emanato un’ordinanza contenente disposizioni connesse alla protezione dalla diffusione dell’epidemia Covid-19. Nell’atto si dispone che le attività commerciali, artigianali e produttive possono rimanere aperte sette giorni su sette, nel rispetto delle seguenti fasce orarie di apertura al pubblico: attività di somministrazione di alimenti e bevande dalle 5:00 alle 2:00; attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche (posteggi isolati e commercio itinerante) dalle 6:00 alle 24:00; tutte le altre attività artigianali e commerciali al dettaglio dalle 7:00 alle 21:00.

Il consumo degli alcolici nei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande è consentito dalla mezzanotte alle 2:00 esclusivamente all’interno dei locali, nei rispettivi dehors e nelle immediate vicinanze; dalla mezzanotte e sino a chiusura non è consentito l’uso di vetro per la somministrazione di bevande di qualsiasi specie (alcooliche e non alcooliche).

Le attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche che effettuano attività di vendita per il settore alimentare e non alimentare devono rispettare le seguenti fasce orarie di apertura al pubblico: mercato settimanale di San Nicolò a Tordino, il martedì dalle 6:00 alle 14:00; mercato settimanale di Teramo, il sabato dalle 6:00 alle 14:00; mercato settimanale di Colleatterrato il giovedì, dalle 6:00 alle 14:00. Tutti i mercati settimanali locali e frazionali del territorio comunale, per tutti i settori merceologici (alimentari, non alimentari e misti), possono riprendere la loro attività nel rispetto delle prescrizioni di cui al protocollo di sicurezza per l’esercizio delle attività commerciali su aree pubbliche e delle disposizioni organizzative che saranno impartite dall’Ufficio commercio.

Le aziende che gestiscono servizi di trasporto pubblico locale per il Comune di Teramo devono effettuare interventi straordinari di sanificazione dei mezzi, ripetuti a cadenza ravvicinata. L’ordinanza torna a ribadire le raccomandazioni alla comunità: mantenere ed assicurare comportamenti responsabili nel rigoroso rispetto delle regole di condotta, delle misure di prevenzione nei rapporti sociali ed economici e delle prescrizioni igienico-sanitarie, ricordando che è vietato ogni genere di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

IL SERVIZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *