Teramo, ponti e viadotti: un nuovo finanziamento di 15 milioni di euro per messa in sicurezza, monitoraggio e nuove opere

Teramo, ponti e viadotti: un nuovo finanziamento di 15 milioni di euro per messa in sicurezza, monitoraggio e nuove opere

Oltre alle strade, i ponti. Dopo il crollo del “Morandi” a Genova si sono riaccesi i riflettori sui ponti e sui viadotti, infrastrutture complesse, e sulla loro sicurezza. La Provincia di Teramo in questi due anni ha già speso oltre 3 milioni di fondi sisma intervenendo su nove ponti; dal Ministero delle Infrastrutture è ora arrivato un finanziamento di 15 milioni di euro a valere sulla programmazione triennale 2021/22/23.


“Entro la fine di settembre dovremo approvare il piano per la ripartizione dei fondi sulla base delle priorità emerse dalle indagini che abbiamo condotto in questi mesi – spiega il consigliere delegato Lanfranco Cardinale – si tratta di investimenti che hanno precisi vincoli di spesa e che quindi dovranno essere impegnati e appaltati rispettando un cronoprogramma molto stringente”.


La Provincia di Teramo conta oltre 100 infrastrutture complesse fra ponti e viadotti; molti di questi, nell’area pedemontana, sono ponti ad arco e in muratura del secolo scorso.
Nel corso dell’anno a cura del servizio tecnico sono stati compiuti numerosi interventi di monitoraggio oltre ai lavori di consolidamento, l’attenzione su queste strutture strategiche è particolarmente avvertita anche se non sono rilevate situazioni particolarmente critiche – sottolinea il Presidente – con questi nuovi finanziamenti potremo dare risposte importanti come nel caso della frana di Cellino sulla provinciale 23 dove il dissesto è talmente grave che bisognerà costruire un ponte per raccordare la strada. Ringrazio l’ufficio tecnico per l’ottimo lavoro che sta svolgendo e che viene ripagato con il finanziamento delle opere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *