Teramo, presentato il progetto “La tua vita non è in gioco”

Teramo, presentato il progetto “La tua vita non è in gioco”

Il Presidente della Fondazione Tercas, Tiziana Di Sante ha aperto stamani a Teramo, in Palazzo Melatino, la Conferenza Stampa per la presentazione del Progetto “La tua vita non è in gioco ” proposto dall’ Associazione RESALIO e sostenuto dalla Fondazione Tercas.

Nel corso del Suo intervento, la psicologa dell’Associazione RESALIO , Arianna Cupelli , ha affermato che nel 2019 gli Abruzzesi hanno giocato quasi 2 miliardi di euro: ”un dato allarmante che ha attivato l’Associazione proponendo un progetto finalizzato alla prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo patologico rivolto alla popolazione di tutte le fasce di età comprese le più giovani, residenti nel Comune di Teramo , visto che tra i più giovani il 49% degli studenti italiani tra i 14 e i 19 anni ha giocato d’azzardo almeno una volta nell’anno 2015 – 2016″

“Il Progetto – ha continuato Arianna Cupelli – sarà svolto su più livelli: supporto psicologico, seminari informativi nelle scuole secondarie di secondo grado, al fine di rendere e dotti gli studenti rispetto alla problematica e sensibilizzare sull’importanza della richiesta d’aiuto, supporto legale, tutoraggio economico, formazione degli operatori della Caritas al fine di intercettare e prendere in carico le situazioni a rischio . Il gioco d’azzardo è stato annoverato dal DSM – V nelle forme di dipendenza come disturbo non correlato a sostanza”

“E’ possibile riconoscere il giocatore patologico – ha continuato Arianna Cupelli – attraverso caratteristiche comportamentali specifiche come pensieri persistenti inerenti al gioco , tentativi di riparazione delle perdite, menzogna, compromissione dei rapporti personali, lavorativi e sociali, tentativi di modulare i vissuti di disagio, richieste di prestiti economici”.

La fondazione aprirà uno sportello di aiuto per coloro che sono affetti da questa dipendenza. Sarà situato a Colleatterrato Basso, in Via Giovanni XXXIII.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *