Teramo, referendum: seggio a domicilio per i positivi al Covid

Teramo, referendum: seggio a domicilio per i positivi al Covid

L’ufficio elettorale del Comune di Teramo, in ottemperanza alle disposizioni che pervengono dal Ministero dell’Interno e dall’assessore comunale all’Anagrafe Ilaria De Sanctis, ha predisposto tutte le operazioni per garantire il diritto di voto in occasione del referendum dei prossimi 20 e 21 Settembre. Il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari, previsto inizialmente a primavera su una sola data (il 29 marzo), è stato rinviato per l’allerta coronavirus: la consultazione viene recuperata in due giornate, per evitare assembramenti ai seggi, domenica 20 dalle 7 alle 23 e lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15. Nel comune di Teramo i votanti, in totale, sono 42.357, di cui 22.202 femmine e 20.155 maschi. A seguito dell’indisponibilità degli edifici in cui erano ospitati in passato i seggi di Casalena, Colleminuccio, Colleatterrato Alto e Varano, e quelli di via Pepe e via San Berardo, sono stati spostati presso l’Istituto comprensivo Savini/San Giuseppe in piazza Aldo Moro.

Seggio Covid

E’ stato istituito appositamente un servizio operativo per tutta la provincia: si tratta di un seggio mobile, composto da un presidente (infermiere) e due scrutatori (membri della Croce Bianca) appositamente istruiti, che in assoluto rispetto delle norme anticovid raggiungeranno i malati e i positivi in quarantena e riporteranno le schede presso il seggio dell’ospedale.

Tessere elettorali

Allo scopo di rilasciare le tessere elettorali non consegnate e dei duplicati delle stesse in caso di deterioramento, smarrimento o furto dell’originale, l’Ufficio elettorale comunale posto in piazzale San Francesco resterà aperto nei due giorni antecedenti la consultazione elettorale dalle 9 alle 18 ininterrottamente; nei giorni della votazione, domenica 20 settembre dalle 7 alle 23 e lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15.

Prescrizioni Covid

Tra le misure per l’allestimento e l’ingresso ai seggi, sono previsti accessi contingentati agli edifici che li ospitano, percorsi distinti di entrata e di uscita, distanziamento tra i componenti del seggio e tra questi e gli elettori, in particolare nel momento in cui questi devono rimuovere la mascherina per il riconoscimento, definizione del numero e della disposizione delle cabine elettorali, tenendo conto dello spazio disponibile e delle necessità di movimento. Per accedere ai seggi elettorali è obbligatorio l’uso della mascherina da parte degli elettori e di ogni altro soggetto che ha diritto ad entrarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *