Teramo, rischio carenza idrica: il Ruzzo adotta nuove misure

Teramo, rischio carenza idrica: il Ruzzo adotta nuove misure

La Ruzzo Reti ha effettuato un’attenta analisi mediante monitoraggio delle portate delle sorgenti e, continuo, dei serbatoi di accumulo. Da due anni non nevica e le stagioni sono sempre più secche, inoltre in questo periodo dell’anno diminuisce sempre l’approvvigionamento idrico e, per concludere, l’emergenza Covid-19 e la conseguente permanenza in casa della intera popolazione e una più attenta igiene di ogni cittadino sono concause di una diminuzione della portata dell’acqua come è avvenuto in tutte le altre zone d’Abruzzo.
Questo è il quadro della situazione e per garantire l’efficienza e la continuità dei servizi erogati, la Ruzzo Reti ha deciso di adottare alcune misure.
La prima misura è relativa al potenziamento del monitoraggio dei siti e degli impianti aziendali (sorgenti, partitori, serbatoi ecc.); saranno inoltre chiusi i fontanini pubblici nelle zone periferiche perché sono più difficilmente controllabili.
Nell’eventualità che si evidenzino nuove necessità e di conseguenza nuovi interventi la Ruzzo Reti ovviamente ne informerà i cittadini tutti, ai quali intanto ricorda le buone prassi per un corretto uso dell’acqua.
•    Non annaffiare orti e giardini con l’acqua potabile
•    Evita di lavare la macchina
•    Preserva l’acqua delle fontanelle pubbliche
•    Alla vasca da bagno, scegli la doccia e, mentre ti insaponi, chiudi il rubinetto. Fallo anche mentre ti lavi i denti!
•    Se vuoi un bicchiere di acqua fresca, riempi una bottiglia e riponila in frigorifero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *