Teramo, schianto mortale con il furgone di lavoro: aperta l’inchiesta

Teramo, schianto mortale con il furgone di lavoro: aperta l’inchiesta

È stata aperta un’inchiesta sull’incidente stradale che ieri pomeriggio ha causato la morte di Matteo Di Leonardo, 24enne di Tossicia. Il giovane si trovava alla guida di un furgone dell’azienda per cui lavorava che, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe scontrato con un altro mezzo della stessa ditta. Il conducente dell’altro furgone, un 22enne di Campli, è rimasto leggermente ferito. La Procura di Teramo (titolare delle indagini il pm Enrica Medori) ha avviato tutti gli accertamenti affidandoli alla Polizia stradale, diretta dal comandante Nadia Carletti, con il sostituto Antonio Bernardi sin da ieri sul luogo dell’incidente per occuparsi dei rilievi. I mezzi coinvolti nello schianto, su disposizione della magistratura, sono stati sequestrati. Sulla salma di Matteo Di Leonardo dovrebbe essere disposta l’autopsia, mentre si attende di ascoltare anche l’altro ragazzo coinvolto nell’incidente per chiarire la dinamica dei fatti. L’incidente si è verificato nel pomeriggio di ieri, poco dopo le 17, all’altezza dello svincolo di Sant’Atto della Teramo-mare. Fatale al giovane di Tossicia l’impatto contro il guardrail che è penetrato all’interno dell’abitacolo, senza dargli scampo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *