Teramo, si è spento Pasquale Di Paolo: era per tutti “lu Pacchè”

Teramo, si è spento Pasquale Di Paolo: era per tutti “lu Pacchè”

Era fiero di essere uno dei fondatori del Club Biancorosso. Il Teramo Calcio era infatti una sua grande passione. E’ andato via oggi, nel primo pomeriggio, Pasquale Di Paolo, Lu Pacchè, un ragazzo di 89 anni portati splendidamente. Ma contro il Covid si è dovuto arrendere, nonostante Pasquale non avesse patologie o malattie croniche. In effetti si faceva fatica a definirlo anziano: Lu Pacchè era dotato di un entusiasmo assoluto, di grande generosità, di uno spirito ironico pronunciato e di una capacità spiccata di entrare in armonia con il prossimo.

Era un protagonista della vita cittadina, conosciutissimo, non solo a Teramo, anche per via della sua lunghissima carriera lavorativa: prima artigiano e poi commerciante nel settore termoidraulico, vero e proprio punto di riferimento per tecnici del settore e per le imprese edili. Ma la cosa che lo rendeva ancora più popolare era il suo amore per Teramo, per la sua città, per la squadra di calcio. Per lui tutto quanto riguardava Teramo era bello e giusto. Non perdeva una partita dei biancorossi allo stadio, dove era solito distribuire caramelle a giornalisti e tifosi. E non si perdeva neanche una partita in tv da quando non era più possibile l’ingresso allo stadio per via dell’emergenza sanitaria. Si era fatto da solo un personalissimo calendario delle partite del Teramo: i famigliari glielo hanno messo accanto, lo accompagnerà nel viaggio. Salutiamo un grandissimo protagonista della vita: Pasquale Di Paolo, Lu Pacchè.

Un grande abbraccio alla moglie, la signora Maria Teresa, ai figli Luigi e Lucia, al genero Marcello, agli adorati nipoti Marta e Andrea e alla sorella Gianna.

I funerali si svolgeranno sabato 9 gennaio alle 10.30 presso la cattedrale di Teramo.

Rino Orsatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *