Teramo, vademecum anti-Covid nelle scuole della Consulta degli studenti

Teramo, vademecum anti-Covid nelle scuole della Consulta degli studenti

In vista della riapertura delle scuole superiori, prevista per lunedì 11 gennaio, Francesco Berardinelli, studente del liceo scientifico “Einstein” di Teramo e presidente della Consulta Provinciale degli studenti, accompagnato da tutti i componenti della Giunta, ha visitato gli istituti superiori del Teramano per distribuire ottocento copie del vademecum contro il contagio del coronavirus, ideato e curato dalla Giunta stessa. La delegazione è stata accolta dai dirigenti scolastici delle diverse scuole visitate che, a conclusione dell’incontro, hanno ricevuto le copie dell’opuscolo con i consigli su come combattere e prevenire il diffondersi del pericoloso virus tra la popolazione scolastica. Saranno gli stessi rappresentanti della Consulta a illustrare le norme agli alunni delle singole scuole, anche affiggendole nelle aule come memorandum.

Hanno preso parte al giro nelle scuole, oltre al presidente Berardinelli, i componenti della giunta esecutiva Jacopo Di Michele (Convitto “Delfico”), Greta Leone (Liceo Scienze Umane “Illuminati”), Gianluca Di Marzio (IIS “Alessandrini – Marino”), Andrei Cristi Paval (IISS “G. Peano – C. Rosa”), il segretario Lorenzo Di Vittorio (Liceo Saffo) e il professor Marco Pompa, docente referente per la Consulta dell’Ufficio scolastico provinciale. “Nel corso delle varie riunioni con i dirigenti scolastici, l’ufficio scolastico provinciale, le aziende di trasporto, la Consulta provinciale degli studenti  – afferma il presidente Berardinelli – è emersa la necessità impellente di sensibilizzare tutti gli studenti delle scuole superiori della provincia in merito alla prevenzione del contagio dal coronavirus. La Consulta si è sentita in dovere di assumersi questo incarico, al fine arrivare in modo capillare ad ogni alunno abbiamo deciso di scrivere e stampare un opuscolo esplicativo e graficamente accattivante in cui sono riassunte tutte le buone pratiche da seguire sia a scuola sia, soprattutto, sui mezzi pubblici. Sono certo che questa iniziativa aiuterà a cambiare alcune delle cattive abitudini riscontrate nel primo rientro, coscienti che la responsabilizzazione degli studenti, futuri cittadini, sia il fine da perseguire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *