VIDEO | Trasporti, nuovi orari e comportamenti corretti: cambia il modo di viaggiare con TUA

VIDEO | Trasporti, nuovi orari e comportamenti corretti: cambia il modo di viaggiare con TUA

La riorganizzazione dei trasporti pubblici è uno degli aspetti fondamentali per programmare la fase 2, che dovrebbe verosimilmente scattare dal 4 maggio. Un fronte sul quale anche TUA, l’azienda di trasporti abruzzese, sta lavorando per farsi trovare pronta nel momento in cui soprattutto lavoratori e studenti torneranno ad usufruire del servizio. Senza dimenticare la necessità di garantire ai propri dipendenti (circa 1400) le condizioni di sicurezza per lavorare senza rischi. La rivisitazione generale del servizio, rende noto il presidente della società pubblica, Gianfranco Giuliante, è preceduta dall’attuazione di un nuovo assetto organizzativo che riguarda tutto il personale, amministrativo, tecnico, viaggiante.

Gli amministrativi lavorano attualmente su due turni (8:00-13:30 e 14:00- 19:30), intervallati da attività di sanificazione degli ambienti comuni, ripetuto anche a fine giornata. Il personale amministrativo è in cassa integrazione parziale, lavorando 27 ore e mezza invece che 39 ore settimanali, su cinque o sei giorni. Anche il personale tecnico opera su due turni e nei luoghi di lavoro viene assicurato il distanziamento sociale. TUA ha predisposto un sistema di sanificazione nelle officine che consiste in due interventi quotidiani, a metà e fine giornata. Attività di formazione a distanza sono dedicate a tutti i dipendenti per sensibilizzarli sui rischi legati all’emergenza sanitaria.

La parte più consistente della riorganizzazione riguarda la rimodulazione delle corse dei mezzi di trasporto. TUA assicurerà la distribuzione del servizio in modo uniforme per l’intero arco della giornata. La nuova logica tenderà a superare la classica distinzione tra “fasce di punta” e “fasce di morbida”. Giuliante rileva la necessità, da parte delle amministrazioni locali, di prevedere corsie preferenziali dedicate esclusivamente al trasporto pubblico e una razionalizzazione degli stalli e delle fermate per aumentare la velocità commerciale delle corse e per meglio garantire la sicurezza dei viaggiatori. Questo permetterebbe anche di effettuare più corse. È in atto, a tal proposito, anche uno studio per prevedere alcune “corse express” per velocizzare i collegamenti, oltre alla possibilità di attivare servizi a chiamata, soprattutto in zone meno densamente popolate o nelle fasce notturne. Fondamentale, per garantire la migliore sicurezza nei trasporti, è la responsabilità individuale degli utenti. Per questo TUA suggerisce alcune proposte: dal non usare il trasporto pubblico se si hanno sintomi di infezioni respiratorie acute, all’utilizzo dei mezzi solo in caso di necessità; dall’igienizzazione frequente, durante il viaggio, delle mani evitando di toccarsi il viso, all’occupare solo i posti consentiti mantenendo il distanziamento dagli altri passeggeri; infine, evitare di avvicinarsi o chiedere informazioni al conducente e utilizzare le mascherine.

IL SERVIZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *