VIDEO | “Tu ci chiudi, tu ci paghi”: la piazza di Teramo contro il Governo

VIDEO | “Tu ci chiudi, tu ci paghi”: la piazza di Teramo contro il Governo

Mercoledì 4 novembre, dalle ore 18, in piazza Orsini a Teramo, si terrà una manifestazione di protesta contro le dure misure restrittive imposte dal Governo italiano per fronteggiare la corsa dell’epidemia di coronavirus. A riunirsi, nell’orario simbolico del “coprifuoco” dovuto alle chiusure dei locali pubblici come bar e ristoranti, saranno le categorie sociali colpite più duramente, soprattutto dopo l’ultimo DPCM. Secondo i promotori, il Governo “ancora una volta ha scelto di sacrificare il tessuto sociale ed economico per loro meno importante, salvaguardando altri interessi”. Al centro delle critiche degli organizzatori anche “le tempistiche che tutte le istituzioni dal Governo, alla Regione, ai Comuni, non sono state in grado di rispettare nell’ambito dei trasporti, che non sono stati incrementati alla riapertura delle scuole, e della sanità pubblica, di nuovo al collasso con la ripresa dei contagi”.

“Da marzo ad agosto abbiamo ascoltato solo tanti proclami e i fatti stanno praticamente a zero. E oggi siamo noi a pagarne le conseguenze”, accusano i rappresentanti delle categorie coinvolte. “Il nostro motto è ‘Tu ci chiudi, tu ci paghi’ proprio perché chiediamo che il Governo si assuma la responsabilità delle scelte fatte e dia una mano concreta a tutte quelle persone che, a causa di queste nuove chiusure, faranno fatica a sopravvivere, bloccando i pagamenti di affitti, mutui e utenze, e stanziando la cassa integrazione totale per tutti i dipendenti e per i lavoratori del mondo dello spettacolo e della cultura”. L’invito è rivolto a cassaintegrati, piccole attività e Partite IVA, baristi e ristoratori, operatori del cinema e dello spettacolo, lavoratori occasionali e part-time, disoccupati, studenti, pendolari, operatori sanitari, del mondo sportivo e delle filiere connesse con i settori interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *