Valle Castellana, il Parco incontra cittadini e Comune: promessa maggiore attenzione

Valle Castellana, il Parco incontra cittadini e Comune: promessa maggiore attenzione

Sabato scorso, nella palestra di Valle Castellana, si è tenuto un incontro tra l’amministrazione comunale e la cittadinanza con i vertici del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. “E’ stato un confronto franco, aperto e soprattutto costruttivo, nel quale abbiamo parlato dei numerosi e purtroppo cronici problemi che interessano il nostro territorio e che vedono protagonisti da un lato i cittadini, gli allevatori, gli agricoltori e tutti gli operatori della nostra montagna, dall’altro l’Ente Parco – sottolineano il sindaco di Valle Castellana, Camillo D’Angelo, e l’assessore all’Agricoltura, alla Pastorizia, alla Foresta e gli Usi Civici, Battista Caterini – Gli stessi cittadini hanno lamentato i consueti ma crescenti danni causati dagli sconfinamenti degli animali selvatici, soprattutto cinghiali e cervi, ma anche lupi, che creano disagi e danni a coltivatori ed allevatori, ma soprattutto hanno ribadito la richiesta di meno burocrazia e più celerità ed elasticità per venire incontro alle esigenze di chi lavora e vive in questi territori. I vertici del Parco hanno spiegato le loro ragioni e ciò che la legge prevede, ma hanno anche garantito grande attenzione a Valle Castellana e alle sue istanze”.

Dietro sollecitazioni del primo cittadino e dell’amministrazione comunale, i vertici del Parco hanno proposto tre importanti iniziative a favore del territorio: sollecitare la riapertura del bando per la formazione delle Guardie Ecologiche volontarie affinché queste possano coadiuvare le Guardie Forestali nel monitoraggio e nel controllo del vasto comprensorio di Valle Castellana; valutare positivamente la concessione di contributi a sostegno delle prescrizioni tipologiche imposte ai cittadini per opere edilizie all’interno dell’area Parco; potenziare il risarcimento dei danni da fauna selvatica per la realizzazione di opere per la protezione delle coltivazioni e dei pascoli dagli animali selvatici (recinti e altro).

“Nel ringraziare il presidente del Parco, Tommaso Navarra, ed i vertici per essere venuti a Valle Castellana per un incontro pubblico di tale portata aperto alla cittadinanza e ben consapevoli che molte delle problematiche emerse non dipendano solo dall’Ente, auspichiamo che si possa organizzare nei prossimi mesi un nuovo incontro, alla presenza dei vertici regionali, delle associazioni di categoria di agricoltori, allevatori e imprenditoriali, delle amministrazioni separate e di tutti i soggetti interessati al fine di trovare delle soluzioni consone e durature nell’interesse di tutti i nostri concittadini”, chiosano D’Angelo e Caterini. “Siamo noi a ringraziare il sindaco D’Angelo e la sua amministrazione per averci concesso l’opportunità di un confronto diretto sabato scorso con i cittadini di Valle Castellana che sono l’elemento vitale anche del Parco costituendo quella comunità identitaria sulla quale devono parametrarsi, in termini di rispetto, anche le azioni dell’Ente”, dichiara il presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Tommaso Navarra. “Purtroppo vi sono sicuramente molti problemi, ma anche molte non conoscenze dei reali compiti e delle reali possibilità di questo Ente, ma sono convinto che, anche grazie ad iniziative di confronto aperto come questa, sapremo affrontare al meglio gli stessi e superare alcune incomprensioni che sono sorte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *