VIDEO | Asl Teramo, Di Giosia presenta sei nuovi primari: “Non esiste solo il Covid”

VIDEO | Asl Teramo, Di Giosia presenta sei nuovi primari: “Non esiste solo il Covid”

I sei primari nominati dalla Asl di Teramo negli ultimi mesi, sono stati presentati ufficialmente questa mattina. Si tratta di Mario Di Domenicantonio, direttore Uoc Servizio veterinario di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche; Anna Rita Gabriele, direttore Uoc Pronto soccorso; Claudio Di Bartolomeo, direttore Uoc Hospice; Katia Cannita, direttore Uoc Oncologia; Carmelo Barbera, direttore Uoc Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva; Sofia Chiatamone, direttore Uoc Patologia clinica (Laboratori analisi). “Accanto all’impegno nella lotta al coronavirus prosegue l’attività ordinaria”, ha dichiarato il direttore generale, Maurizio Di Giosia, “un impegno forse oscurato mediaticamente dal gran numero di informazioni inerenti alla pandemia ma certamente non meno intenso ed efficace. E in quest’ottica la Asl di Teramo negli ultimi mesi ha nominato alcuni direttori di unità operative complesse, basilari per l’organizzazione di settori strategici della sanità teramana. L’obiettivo della direzione strategica è formare una grande squadra che con entusiasmo e competenza faccia diventare l’azienda sempre più competitiva e attrattiva, in grado di migliorare l’offerta di prestazioni sanitarie ai cittadini”.

I nuovi direttori hanno illustrato diversi progetti e nuove attività relative alle diverse unità operative. Partirà dopodomani al Pronto soccorso un corso di formazione per l’emergenza pediatrica con l’ospedale pediatrico “Bambino Gesù”.  In Oncologia si sta implementando una piattaforma di analisi multigenica nelle neoplasie mammarie ormonosensibili per meglio definire per le pazienti le sequenze terapeutiche. Il progetto “Ng breast 2.0” è stato di recente approvato dalla direzione aziendale: si stanno selezionando le pazienti da inserire in questo progetto. In Patologia clinica, cioè nei laboratori analisi, fra le diverse innovative attività ora si eseguono esami di farmacogenomica per predire, riguardo al singolo paziente, la tossicità della chemioterapia e quindi evitarla. In futuro, inoltre, è prevista l’implementazione di Ngs, una piattaforma per il sequenziamento dei geni da cui scoprire la predisposizione al cancro. L’Hospice, dopo un periodo in cui l’attività in ospedale è stata sospesa a causa del Covid, proseguendo sul territorio, riaprirà a breve in una nuova struttura a Casalena. Nuove dotazioni tecnologiche in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva che si è specializzata nella diagnosi e trattamento, in particolare, delle patologie oncologiche in campo epato-bilio-pancreatico. Intensificati, infine, i controlli sul territorio riguardo alla salute degli animali e ai controlli sugli allevamenti del Servizio veterinario di igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, che ha svolto 6.500 interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *