VIDEO | Basket/B, la TaSp perde a testa alta contro Ancona (91-88)

VIDEO | Basket/B, la TaSp perde a testa alta contro Ancona (91-88)

Dopo la vittoria nell’ultimo turno contro la Sutor Montegranaro – e dopo il cambio di panchina avvenuto subito dopo natale con l’esonero di coach Stirpe e il subentro di coach Salvemini – la Teramo a Spicchi non è riuscita nell’impresa di sbancare il Pala Rossini di Ancona, perdendo a testa alta (91 -88) contro una delle formazioni di prima fascia per quanto riguarda il girone C2.

Ci si attendeva una risposta da parte dei giocatori biancorossi e la risposta si è vista soprattutto nell’approccio alla partita, specialmente nel primo quarto, che ha visto i biancorossi imporre da subito il proprio ritmo e mettere in seria difficoltà i padroni di casa.

Dopo aver toccato anche le dieci lunghezze di vantaggio i ragazzi di coach Salvemini hanno pagato anche un logico calo d’intensità, che ha permesso il rientro in partita dei dorici ma con Serroni e compagni comunque bravi e lucidi a non andare in crisi e a chiudere avanti il primo tempo in vantaggio sul 41-45. Nella ripresa, grazie alla premiata ditta Serroni-Rossi, la Teramo a Spicchi è riuscita a contenere la veemente reazione dei marchigiani, restando a contatto al termine della terza frazione sul 66 a 65. Nell’ultimo quarto Ancona, grazie a una grande prestazione di Leggio (Mvp indiscusso con 32 punti messi a referto) ben coadiuvato dai compagni di squadra, ha sfruttato al meglio i vari episodi, approfittando dei pochi cali di tensione dei biancorossi.

I segnali positivi per Salvemini sono tanti tenendo conto che ha avuto pochi giorni per ambientarsi, conoscere il gruppo e lavorare sui suoi meccanismi. Spiccano i cinque giocatori in doppia cifra, segno che il gioco di squadra c’è, allo stesso tempo spiccano in negativo i 91 punti subiti dalla difesa (un aspetto che lo stesso Salvemini ha sottolineato dopo la partita).

Adesso l’incognita più grande sarà il mercato: Salvemini ha chiesto fondamentalmente centralità nel progetto Teramo a Spicchi (il contratto biennale lo certifica) e pieni poteri. Logico quindi prevedere che ci saranno dei movimenti e vedremo quali reparti saranno ritoccati. Pare ipotizzabile la partenza di Simone Gatti (alle prese con problemi fisici) e un paio di nuovi innesti (un lungo dinamico come piace a Salvemini e un playmaker che garantisca fosforo, solidità e assist).

Staremo a vedere quindi se ci saranno e quali saranno i movimenti sul mercato ma, nel frattempo, si torna a sudare in palestra per il match di domenica che vedrà i biancorossi di scena, ancora in terra marchigiana, per affrontare Jesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *