VIDEO | Basket, la B del Teramo va alla Tasp ma Antonetti non esce di scena

VIDEO | Basket, la B del Teramo va alla Tasp ma Antonetti non esce di scena

Per usare un termine appartenente al linguaggio tetrale o cinematografico possiamo affermare che ci siamo trovati di fronte al classico colpo di scena: il titolo di Serie B del Teramo Basket 1960 non è stato acquisito dal consorzio di Carlo Antonetti “AmareTerAmo” ma se lo aggiudica la Teramo a Spicchi che eredita così la terza serie nazionale dalla società di Ermanno Ruscitti.

Antonetti non è riuscito quindi a concretizzare l’idea del consorzio che aveva presentato pubblicamente a fine giugno e oggi pomeriggio, in una conferenza stampa, ha chiarito i motivi legati soprattutto al poco tempo a disposizione e anche alla prudenza di non voler forzare la mano e compiere passi falsi: “Purtroppo il tempo è stato tiranno – ha dichiarato Antonetti – e non sono riuscito a raggiungere un numero congruo per garantire solidità al progetto e la giusta tranquillità economica ai partecipanti. Era troppo presto per agire e non ho voluto forzare i tempi. Sono stati però giorni esaltanti nei quali ho riscontrato grande entusiasmo con chiunque mi sono confrontato (imprenditori, istituzioni e la stessa Teramo Basket 1960 che ringrazio). Mi fa piacere di essere stato un flash, uno stimolo per tutto l’ambiente; sono carico e lavorerò per concretizzare questo progetto ambizioso”.

L’altra notizia infatti è che fondamentalmente Antonetti non esce di scena. L’ex presidente dello storico Teramo Basket degli anni d’oro della Serie A ha infatti chiarito di non voler mollare l’idea del consorzio ma di volerci lavorare in maniera minuziosa il prossimo anno: “Per me è l’inizio di un’avventura, le adesioni e il sostegno mi hanno dato la voglia di continuare e lavorerò con calma tutto il prossimo anno per costituire il consorzio e realizzare un progetto ambizioso. Non c’è nessuna fretta anche perché, citando il grande filosofo Confucio, l’impazienza può rovinare un grande progetto”.

IL SERVIZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *