VIDEO | Castellalto, partono i lavori per 12 alloggi dell’Ater a canone concordato

VIDEO | Castellalto, partono i lavori per 12 alloggi dell’Ater a canone concordato

Sono stati consegnati questa mattina a Castellalto i lavori per la realizzazione di 12 alloggi a canone concordato da parte dell’Ater di Teramo.

La presidente dell’Ater Avv. Maria ceci dichiara: “Una stretta collaborazione con il  Sindaco di Castellalto Di Marco per riavviare il cantiere per la realizzazione di 12 alloggi a canone concordato nello stesso Comune.  L’opera  viene realizzata con fondi dell’Ater, con contributi Stato Regioni ed in parte con risorse a carico del Comune Di Castellalto.  Verranno costruiti due edifici da 5 e 7 alloggi secondo una distribuzione  del tipo a ” schiera”.  L’ opera era stata già appaltata, ma per gravi inadempienze contrattuali  si è proceduto alla risoluzione . Ad ottobre 2019 subito dopo l’insediamento del nuovo Consiglio di amministrazione è stata indetta una nuova gara a procedura aperta per il riappalto dei lavori che da oggi vengono formalmente avviati con la prevista conclusione entro  la fine di questo anno”.

Soddisfatto il sindaco di Castellalto, Vincenzo Di Marco: “Siamo riusciti, dopo un lungo periodo di incertezze, a far ripartire il cantiere per la costruzione dei 12 alloggi a canone concordato a Castellalto capoluogo, grazie ad una forte sinergia tra Comune e Ater. L’auspicio è quello che a fine di questo anno 2021 possano essere ultimati i lavori e la realizzazione delle unità abitative, che darebbero un forte impulso ad un centro collinare che fa da collante alle due vallate, sul quale sviluppo l’amministrazione comunale ha sempre puntato mantenendo servizi quali le scuole, i negozi, le poste, la farmacia, e dove presto ci sarà anche l’attivazione della connettività veloce attraverso la fibra per internet. Come Sindaco del Comune di Castellalto vigilerò e collaborerò insieme al Presidente dell’Ater la Dr.ssa Ceci,  affinché tutte le scadenze vengano rispettate e i soldi pubblici spesi bene e correttamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *