VIDEO | Coronavirus: a Giulianova rinviata la prima rata Tari

VIDEO | Coronavirus: a Giulianova rinviata la prima rata Tari

I comuni della provincia di Teramo cominciano ad adottare i primi provvedimenti per sostenere i cittadini durante l’emergenza nazionale sanitaria causata dal Coronavirus.

A Teramo, per quanto riguarda il già avviato servizio di consegna a domicilio della spesa, gli utenti possono avanzare le proprie richieste chiamando i numeri del COC. Sul sito del Comune è pubblicato, in evidenza il modulo dell’autodichiarazione da compilare per lo spostamento in entrata, in uscita e all’interno del territorio. Tutte le attività che nel territorio comunale svolgono il servizio di asporto con consegna a domicilio, devono indicare il proprio recapito telefonico o l’indirizzo mail scrivendo a: a.filipponi@comune.teramo.it”.

A Giulianova l’Amministrazione Costantini, con delibere di Giunta, ha assunto due urgenti provvedimenti.

Il primo consiste nel rinvio della scadenza di pagamento della prima rata della Tassa sui rifiuti (TARI) relativa all’anno 2020, che dal 31 marzo 2020 viene posticipata al 30 aprile 2020. Restano confermate, invece, le scadenze di pagamento delle rate successive (30 giugno 2020-30 settembre 2020-31 dicembre 2020). Il secondo provvedimento riguarda i dipendenti comunali e consiste nell’approvazione del regolamento per lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità lavoro agile da svolgersi a casa, ovvero lo Smart Working.

Il regolamento, che in regime ordinario prevede che il 20% dei dipendenti comunali possano lavorare da casa 12 ore settimanali, viene esteso in emergenza al 40% del personale comunale che, attraverso l’attivazione di specifici progetti, potrà svolgere le funzioni lavorative in remoto per 18 ore alla settimana.

A Roseto, dopo aver aperto il Centro operativo comunale, la giunta Di Girolamo ha organizzato un servizio di volontari per portare la spesa agli anziani, agli immunodepressi, ma anche ai soggetti in quarantena. Disposto anche un veicolo con fonica dedicata per ricordare a tutti le cautele e gli obblighi che la legge impone. Sono stati attivati poi una serie di controlli da parte della polizia municipale, per individuare residenti rientrati e non residenti che hanno raggiunto la città.

Attivata anche una campagna informativa con manifesti cartacei per chi non è abituato ad utilizzare computer e smartphone. Le Guardie Ambientali supporteranno la polizia municipale per garantire il rispetto dei nuovi orari stabiliti per i bar e le attività di ristorazione annesse, ma anche il mantenimento delle distanze nel locale e tra i tavoli. Il distretto sanitario di base garantirà un supporto della Protezione civile per disciplinare ingressi graduali e contingentati per garantire i servizi pur con i limiti di sicurezza.

IL SERVIZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *