VIDEO | Covid 19, il ministro Speranza inaugura hub vaccinale all’università di Teramo

VIDEO | Covid 19, il ministro Speranza inaugura hub vaccinale all’università di Teramo

“Quella in Abruzzo è stata una mattinata intensa, c’è il segnale di una comunità che vuole lottare per chiudere questa fase e aprirne una diversa. L’inaugurazione di questo spazio all’interno dell’università dà un messaggio di fiducia a tutto il paese. E’ simbolicamente forte portare la campagna di vaccinazione nell’università, che rappresenta l’idea del futuro”. Sono le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, a Teramo per l’inaugurazione del centro hub vaccinale negli spazi dell’ateneo. “Le misure prese fino ad oggi hanno consentito di piegare lievemente la curva dei contagi e adesso ci deve essere l’impegno di tutti per le prossime settimane. Abbiamo superato 15 milioni di dosi, accelereremo ancora; questo ci consente di guardare con una certa fiducia al futuro. Le parole da declinare – ha detto ancora il ministro – sono fiducia e prudenza. Il Covid è ancora presente, circola significativamente, ci sono ancora tante persone in terapia intensiva e in area medica”.

Speranza visita anche ospedale Mazzini e IZS

Prima di partecipare all’inaugurazione dell’hub vaccinale all’università di Teramo, Speranza ha visitato la Piccola Opera Caritas a Giulianova, il terzo lotto dell’ospedale Mazzini di Teramo e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale d’Abruzzo e Molise. Nella visita alla struttura del “Mazzini” interamente dedicata alla cura del Covid, il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia, ha mostrato al ministro la nuova sede del 118 al pianterreno, ormai quasi pronta. Poi è stato visitato il reparto di terapia semintensiva al primo piano, inaugurato recentemente. “Se i numeri dei ricoverati per coronavirus continueranno a diminuire, contiamo”, ha annunciato Di Giosia “di chiudere i reparti Covid nell’ospedale di Atri e di Giulianova e di trasferire tutti i pazienti qui in questa divisione, dotata delle migliori tecnologie e che all’occorrenza può arrivare a 40 posti letto”. Il direttore generale ha anche consegnato al ministro una ceramica di Castelli, eccellenza dell’artigianato artistico, in ricordo della visita a Teramo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *