VIDEO | Porto di Giulianova: dalla Regione 3,8 milioni per la messa in sicurezza

VIDEO | Porto di Giulianova: dalla Regione 3,8 milioni per la messa in sicurezza

3 milioni e 800 mila euro dalla Regione Abruzzo per la messa in sicurezza del porto di Giulianova e il completamento del braccio a mare. E’ stato annunciato in una conferenza stampa organizzata dal sindaco Jwan Costantini, alla presenza del sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Umberto D’Annuntiis, il presidente dell’Ente Porto di Giulianova Marco Verticelli, il comandante della Capitaneria di Porto Claudio Bernetti, il presidente del B.I.M. Gabriele Minosse, il sindaco di Tortoreto Domenico Piccioni, il presidente del Consiglio Paolo Vasanella, la Giunta comunale e i consiglieri comunali di maggioranza. “Sono visibilmente emozionato per il raggiungimento di questo risultato – dichiara il sindaco Jwan Costantini – da mesi porto avanti trattative con il sottosegretario D’Annuntiis, che anche in questa occasione si è dimostrato un vero amico della nostra città, mantenendo una promessa epocale con un finanziamento importante che permetterà finalmente la messa in sicurezza della nostra realtà portuale, punto di riferimento marittimo strategico per tutta la provincia di Teramo. Una somma così considerevole da parte della Regione Abruzzo non arrivava da tempo”.

“Purtroppo l’ultimo finanziamento regionale per il porto giuliese risale al 2013 – dichiara il sottosegretario Umberto D’Annuntiis – ed in questi anni non siamo riusciti a portare a compimento tutti i lavori ma siamo sulla buona strada. Manca l’ultimo intervento di 1 milione di euro che è affidato al Provveditorato alle opere pubbliche di Abruzzo, Lazio e Sardegna e stiamo cercando di risolvere la situazione facendo in modo che i lavori partano al più presto, oppure addirittura riprendendo il finanziamento e gestendolo direttamente. Il finanziamento dei 3 milioni ed 800 mila euro che annunciamo oggi con delibera regionale arriva a seguito delle segnalazioni che ci sono pervenute nel mese di novembre 2019 da parte dell’Ente Porto sui danni causati dalle mareggiate, ed andrà a garantire la messa in sicurezza del porto esistente ed il completamento del nuovo braccio che prevede un allungamento di 87 metri per far sì che l’area portuale possa usufruire della sua funzionalità completa. Spesso in passato le risorse regionali sono state destinate ai porti nazionali, come quello di Pescara ed Ortona, mentre i porti regionali sono stati trascurati. Questa Giunta regionale ha cambiato indirizzo e ritiene che Giulianova e Vasto vadano finanziati con risorse regionali. Crediamo che Giulianova in questi mesi sta tornando ad essere un punto di riferimento per la provincia e per tutta la regione su molteplici aspetti e grazie alla valorizzazione del porto, con tutte  le attività che ruotano intorno ad esso, possiamo fare davvero un salto di qualità”.

“Il sottosegretario D’Annuntiis è stato un uomo di parola –  dichiara il presidente dell’Ente Porto Marco Verticelli – ed ha dimostrato, fin dall’inizio del suo insediamento, un grande interesse nei confronti delle problematiche del nostro porto. Questo risultato è sicuramente il frutto dell’impegno di una rete istituzionale ben funzionante, che parte con l’operato del primo cittadino di Giulianova. Il porto potrà così puntare ad accrescere il suo ruolo di stimolo economico e di sviluppo, oltre a garantire la messa in sicurezza della struttura”.

“E’ importante constatare l’impegno di una rete attiva di forze marittime e dell’entroterra tutte focalizzate sul concetto sicurezza della nostra realtà portuale – dichiara il comandante della Capitaneria di Porto di Giulianova Claudio Bernetti – in un collimarsi di intendimenti politici con i risvolti operativi. Qui si parla di implementare il concetto di sicurezza che diventa un credo quando ci si trova a combattere con le volontà del mare che non possono essere dominate. Oggi abbiamo ottenuto un risultato epocale grazie anche alla piena collaborazione di intenti con l’Ente Porto ed il Presidente Verticelli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *