VIDEO | Serie C, colpo Teramo: vince a Catania (0-1) e vede il quinto posto

VIDEO | Serie C, colpo Teramo: vince a Catania (0-1) e vede il quinto posto

Colpo grosso del Teramo che con ordine, audacia e un pizzico di buona sorte espugna lo stadio “Massimino” di Catania (0-1) e centra una vittoria che potrebbe rappresentate la spinta decisiva per i playoff. A decidere le sorti dell’incontro un’autorete al 29′ del primo tempo del portiere etneo Confente sul tiro di Vitturini che è andato a sbattere sui due pali, prima di colpire la mano dell’estremo difensore e terminare oltre la linea di porta. Successo meritato per i biancorossi di Paci che tornano a festeggiare fuori casa dopo quattro mesi e mezzo (ultima vittoria il 31 ottobre a Pagani) ottenendo il quarto risultato utile consecutivo. E per la terza gara di fila la porta di Lewandowski resta imbattuta.

Primo quarto d’ora di gioco di marca siciliana, anche se la prima conclusione in porta è del Teramo: al 3′ Costa Ferreira serve Pinzauti per il tiro dell’attaccante parato da Confente. I padroni di casa poggiano il peso dell’attacco sulla coppia RussottoDi Piazza, tenuti a bada dagli efficaci Diakitè e Piacentini (quest’ultimo al rientro dopo la squalifica come Bombagi). Il Catania si affaccia dalle parti di Lewandowski al 20′ con un tiro da distanza siderale di Dell’Oglio. Col passare dei minuti i biancorossi prendono le misure agli avversari e guadagnano campo, facendosi sempre più intraprendenti. Al 27′ prova a risolverla Diakitè con un esterno destro diretto all’incrocio, Confente vola in angolo. E’ il preludio al vantaggio che arriva per merito di Vitturini: destro di prima intenzione sul palo lungo, la palla ribattuta dal legno danza sulla linea, tocca l’altro palo e colpisce la mano di Confente prima di finire in fondo al sacco. Esplosione di gioia della panchina biancorossa per il primo gol nella storia del Teramo a Catania. Col Diavolo avanti nel punteggio le squadre tornano negli spogliatoi.

Nella ripresa Raffaele manda subito in campo Reginaldo per rinforzare l’attacco. Mossa che non sortisce effetti, perché Arrigoni e compagni con grande disciplina tattica imbrigliano il Catania. Il Teramo sornione rischia anche di raddoppiare, ma al 50′ Pinzauti non è freddo nel battere a rete da pochi passi. Al 54′ altra conclusione da fuori area di Pinto, palla alta non di molto. Gli etnei si riversano in attacco con gli ingressi in campo di Sarao prima e Piccolo poi, ma il Teramo non va mai in sofferenza. Paci rinuncia a Pinzauti per Mungo, con Bombagi punta centrale (negli ultimi minuti lascerà il posto a Gerbi). E all’84’ proprio il centrocampista neo entrato avrebbe la palla per chiudere la gara, ma il tiro finisce tra le braccia di Confente. L’assedio finale del Catania produce solo delle proteste in pieno recupero per un presunto fallo di mano in area di Tentardini. Finisce con la storica vittoria del Diavolo a Catania e con una classifica che, alla vigilia del confronto casalingo con la capolista Ternana, vede il quinto posto a portata di mano.

CATANIA-TERAMO 0-1

CATANIA (3-5-1-1): Confente; Giosa (75′ Piccolo), Claiton, Sales; Albertini (58′ Calapai), Dall’Oglio, Rosaia (46′ Reginaldo), Welbeck (69′ Maldonado), Pinto; Russotto; Di Piazza (58′ Sarao). A disp.: Martinez, Tonucci, Zanchi, Izco, Manneh, Vrikkis. All. Raffaele.

TERAMO (4-2-3-1): Lewandowski; Vitturini, Diakitè, Piacentini, Tentardini; Santoro, Arrigoni; Ilari, Bombagi (86′ Gerbi), Costa Ferreira; Pinzauti (75′ Mungo). A disp.: D’Egidio, Bellucci, Trasciani, Di Francesco, Lombardi, Viero, Kyeremateng. All. Paci.

ARBITRO: Luciani di Roma 1 (Niedda-D’Elia).

MARCATORI: 29′ aut. Confente

NOTE: Ammoniti: Vitturini, Mungo (T), Giosa, Welbeck (C)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *