VIDEO | Serie C, primo ko per il Teramo: a Catanzaro finisce 1-0

VIDEO | Serie C, primo ko per il Teramo: a Catanzaro finisce 1-0

Dopo sette gare senza sconfitte arriva il primo ko per il Teramo sul campo tradizionalmente ostico di Catanzaro. Al “Ceravolo” i giallorossi si impongono 1-0 grazie alla rete di Carlini realizzata al 27′ del secondo tempo. Risultato giusto per quanto visto in campo: il Catanzaro ha condotto il match dall’inizio alla fine, creando le migliori occasioni da gol, mentre il Teramo è apparso poco brillante e non è riuscito ad incidere praticamente mai. Nei biancorossi in difesa Diakite scala a destra vista l’assenza di Lasik e Iotti fa coppia al centro con Piacentini. Si rivedono in campo Santoro e Costa Ferreira (recuperato dopo il Covid): il portoghese agisce a supporto di Pinzauti insieme a Mungo e Ilari. Ma la pressione dei padroni di casa costringe per quasi tutta la gara i biancorossi a rinforzare le fasce, tanto che il 4-2-3-1 di Paci è più simile ad un 4-4-1-1. Nel Catanzaro di Calabro, reduce dalla vittoria di Avellino, il vibratiano Di Massimo e l’eterno Evacuo (unica novità rispetto a domenica) sono le punte, ispirate da Carlini.

Il primo tempo è quasi interamente di marca calabrese. Dopo appena 20 secondi Lewandowski è prodigioso sul tiro a colpo sicuro di Carlini. Passa un minuto e Di Massimo prova a sorprendere il portiere biancorosso con l’esterno ma conclude centralmente. La pressione del Catanzaro è costante. Un calcio di punizione di Arrigoni al 13′ prova ad interrompere il canovaccio ma il tiro a giro finisce a lato. Al 26′ gran giocata di Alessio Di Massimo che supera Iotti con un tunnel e calcia con il destro da ottima posizione senza inquadrare la porta. Le scorribande di Contessa e Casoli sulle fasce consigliano a Ilari a destra e Costa Ferreira a sinistra di stare accorti anche in copertura. Al 32′ protesta biancorossa per un cross di Diakite deviato in area da un difensore con una mano: per l’arbitro Acanfora di Castellammare di Stabia è tutto regolare. Ultimo brivido per il Teramo al 38′ quando Lewandowski e Mungo ricacciano sulla linea il pallone calciato in porta da Riccardi.

Al rientro dagli spogliatoi ci si aspetta un calo dei padroni di casa e in avvio di ripresa il Teramo sembra poter prendere le misure all’avversario. Al 49′ colpo di testa di Piacentini da corner, Branduani (ex Teramo) si allunga e blocca. Il primo cambio della gara è di Paci: Bunino per Pinzauti al 55′, seguito da Cappa per Costa Ferreira al 70′. Nel mezzo l’ingresso di Curiale al posto di Evacuo tra i padroni di casa. L’episodio chiave al 72′: Di Massimo sfonda a sinistra e centra per Carlini nel cuore dell’area, il destro del trequartista (autentica spina nel fianco per la difesa biancorossa) non lascia scampo a Lewandowski. Il gol tramortisce il Diavolo. Tre minuti dopo lo stesso Di Massimo trova la rete del raddoppio ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Il Catanzaro legittima il vantaggio con un’altra grande occasione in contropiede al 77′: protagonista Curiale che davanti alla porta non ha la freddezza per superare il numero uno biancorosso. La squadra di Paci non ne ha più e nemmeno i pochi minuti in campo per Di Francesco, al posto di Ilari, riescono a dare la scossa. Gioisce il Catanzaro, rinfrancato dal secondo successo consecutivo. Si ferma il Teramo che domenica tenterà di riprendere la marcia ospitando il Catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *