VIDEO | Università, a Teramo dal primo marzo tornano lezioni in aula

VIDEO | Università, a Teramo dal primo marzo tornano lezioni in aula

Ripartono in modalità mista, presenza e online, le lezioni dell’Università di Teramo. Dal primo marzo ricominceranno le attività del secondo semestre di tutti i dipartimenti dell’ateneo teramano. Il programma è stato presentato stamattina dal rettore Dino Mastrocola. Le aule dei dipartimenti sono state attrezzate con computer, telecamera e altoparlante con microfono panoramico. Una strumentazione che consentirà al docente di seguire alla pari gli studenti in aula e in collegamento internet. Uno sforzo strutturale reso possibile da un fondo del Ministero per il “digital divide”, unito a un fondo emergenziale che ammonta a circa 800 mila euro. Inoltre sono previste 1000 sim dati, da distribuire su graduatoria agli studenti, allo scopo di agevolare la connessione alle attività universitarie. Il distanziamento e la capienza massima nelle aule saranno garantite dalla prenotazione alle lezioni. “L’organizzazione degli orari sarà tale da non sovraccaricare le presenze in contemporanea – ha detto il rettore – le lezioni e gli studenti sono spalmati nella settimana, evitando i picchi di presenza nei giorni centrali. Gli scaglionamenti orari e gli intervalli differenziati consentiranno l’accesso alla mensa in sicurezza. Importante è la tracciabilità degli studenti, nel rispetto della privacy”.

Il rettore lancia un appello, condiviso con il Comitato di Coordinamento Regionale delle Università Abruzzesi (CCRUA), di cui è il presidente di turno: “Il comparto dell’università deve entrare, formalmente, nella campagna vaccinale perché è diverso dalla scuola, alla quale è attualmente assimilato. In questi mesi è maturata un’esperienza importante con la nuova organizzazione in emergenza. La didattica online ha consentito anche di raggiungere categorie fragili. L’ inclusione è uno dei punti fondamentali dell’Università di Teramo. Il rapporto interpersonale, però, non è sostituibile. Si deve cercare di tornare a pieno regime in presenza, come chiedono gli stessi studenti”. Gli appelli saranno in presenza o online, a seconda degli insegnamenti. Continua l’utilizzo della biblioteca e aule studio, con l’obbligo di distanziamento e dichiarazione della presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *